Rifugio Crete Seche - Bionaz - Aosta Valley Rifugio Crete Seche - English VersionRefuge Crete Seche - Version Francais NL version Rifugio Crete Seche - Versione Italiana

 

Home Page >> Arrampicata >> Vie tradizionali >> Vie Mon ami Pierrot

La nuova via dell’ Aroletta Inferiore parete Ovest (parete inesplorata )
Via “Mon ami Pierrot”

Prima ascensione: D. Pieiller e B. Marnette il 07-09-‘09
Lunghezza via: 340 m.
Dislivello: 200 m.
Difficoltà : TD sup (6a obb.)
Materiale: 2 corde da 50 m. , friends e nuts

Questa via merita un commento poiché è stata percorsa una parete ancora vergine nonostante la sua bellezza. E’ stato il mio amico Bernard a convicermi a partire con lui per questa arrampicata. Bernard era stato all’ inizio dell’ estate ad osservare questa parete che si affaccia sulla Comba di Faudery, una valle particolarmente selvaggia che in estate non vede quasi mai la presenza umana. Dopo che ci siamo documentati e abbiamo scoperto che le uniche vie tracciate non interessavano quella parete, alla fine dell’ estate, in un giorno libero dai miei impegni al rifugio, decidemmo di partire, anche se un po in ritardo (ma prima di partire il gestore deve dare almeno la colazione ai suoi clienti!). Tutti e due amiamo un alpinismo di esplorazione, umano e curioso; non siamo ne all’ altezza ne alla ricerca di un ‘ exploit alpinistico. Con questo spirito lasciammo il rifugio. Invece di risalire la Comba di Faudery, decidemmo di salire al colle dell’ Aroletta per calarci con due doppie da 50 m. nella selvaggia Faudery, da qui in 20 minuti raggiungemmo i piedi della parete. La via si è rivelata più dura di quanto pensavamo, con dei momenti di splendida arrampicata in piena sicurezza alternati a passaggi su roccia delicata e sporca, difficili da proteggere. Giungemmo verso sera su un diedro liscio e strapiombante, senza fessure per assicurarci, così iniziò la ricerca di un passaggio più facile per raggiungere la cima, sulla quale ci aspettava una sosta attrezzata nei giorni precedenti che con una doppia di 60 m. ci avrebbe lasciato appoggiare i piedi sulla traccia di salita dell’ Aroletta superiore, che si trova sul versante Crête Sèche. Ormai era buio da 2 ore e più che un passaggio per raggiungere la cima cercavamo una zona per passare la notte. Il tempo era bello e non faceva freddo, ma non riuscivo a mettermi in comunicazione con mia moglie Ilenia che ci aspettava al rifugio e così l’ unica nostra preoccupazione era che sicuramente Ilenia avrebbe avvertito il soccorso alpino..e tutto ciò ci irritava leggermente. Per fortuna verso le 22.30 trovammo un passaggio facile che ci portò dritti alla cima, dalla quale riuscimmo ad avvertire appena in tempo Ilenia che stavamo bene! I bei ricordi di quelle ore passate sulla roccia insieme al momento dell’ arrivo al rifugio di notte con Ilenia che ci aspettava suscitano in me delle emozioni forti e rare, difficili da commentare.

 

  Rifugio Crête Sèche - Bionaz (AO)    P.IVA: 01095680078
Mobile Phone +39 3470330713      Credits by Luca Turrin